cosa vedere padova

Cosa vedere a Padova, tra orti botanici e cieli stellati

Non basta un aggettivo per descrivere una città come Padova. Nonostante l’aria solenne, con i suoi palazzi e i nomi importanti che qui hanno lasciato il segno, da Giotto a Galileo, Padova è una città vivace e frizzante con la sua vita universitaria e i mercati che affollano le grandi piazze al mattino. Una città che saprà sorprendere chi non la conosce con tappe imperdibili e altre meno conosciute: abbiamo fatto una selezione dei nostri posti preferiti, ma ce ne sarebbero moltissimi altri, per una visita indimenticabile.

 

  1. L’orto botanico (e il suo nuovissimo museo)

L’Orto Botanico dell’Università di Padova è un luogo unico: creato nel 1545, è il più antico del mondo occidentale che ancora conservi la sua forma e ubicazione iniziali. È un sito Unesco con uno splendido della Giardino della Biodiversità che oggi ha un motivo in più per essere una tappa imperdibile: il 14 febbraio è stato aperto anche il Museo dell’Orto botanico dell’Università. Un nuovo nucleo espositivo, che farà conoscere al grande pubblico la storia della botanica e dei suoi rapporti con la medicina e la farmacopea.

 

  1. Museo La Specola: un mondo di stelle

La Specola di Padova è la sede dell’Osservatorio Astronomico di Padova, una delle più importanti strutture di ricerca dell’Istituto Nazionale di Astrofisica. Un luogo che consigliamo ad occhi chiusi, ma vogliamo sfatare un mito: non è qui che Galileo ha fatto le sue grandi scoperte astronomiche. L’edificazione sulla pre-esistente torre maggiore del Castelvecchio della città non fu messa in atto se non a partire dal 1767, cioè circa 150 anni dopo che Galileo lasciò Padova per trasferirsi a Firenze, alla corte dei Medici.

 

  1. Le piazze, i mercati, gli aperitivi

Piazza delle Erbe, Piazza della Frutta, Piazza dei Signori: sono queste le più famose della città. Sono luoghi frequentati dai turisti e dalle persone del posto, che amano girovagare tra i vivaci mercati ortofrutticoli che si trovano proprio qui. L’atmosfera è sempre frizzante ed è sempre bello perdersi tra i banchi del mercato o fare una tappa per l’aperitivo.

  1. La Cappella degli Scrovegni

La Cappella degli Scrovegni a Padova è uno dei gioielli del patrimonio artistico italiano. Dichiarata patrimonio Unesco è il luogo dove è perfettamente conservato uno degli affreschi più conosciuti e apprezzati dell’intera opera artistica di Giotto, il Giudizio Universale. Resterete incantati con il naso all’insù, sopraffatti dalla bellezza del cielo azzurro della volta pieno di stelle.

  1. Musme, il museo innovativo della storia della medicina

Si trova nell’antico palazzo quattrocentesco che fu sede del primo ospedale padovano di San Francesco Grande: è il Musme – Museo di Storia della Medicina. Una realtà innovativa e interattiva che racconta a bambini e adulti il percorso della medicina, da disciplina scienza moderna.

Dove dormire? Il nostro bed&wine è la scelta per chi vuole svegliarsi tra le colline.

Lnostra idea di ospitalità unisce pernottamento e una visita e una degustazione dei nostri vini biologici in cantina, bed&wine appunto. Abbiamo ristrutturato quattro appartamenti mantenendo intatto tutto il fascino di un vecchio edificio in uno dei borghi medievali più belli d’Italia, Arquà Petrarca, non troppo distante da dove facciamo il nostro vino. Le stanze sono proprio al centro del paese e in quindici minuti potrete raggiungerci per una degustazione immersa nei colli.

Scrivici per prenotare un appartamento!